Callout piè di pagina: contenuto

STORIA

Due imprenditori francesi, dopo aver creato diversi concept di ristorazione, hanno scavato nella storia collettiva imbattendosi nella saga della famiglia Bagelstein, che sarebbe all’origine del nome Bagel e dell’omonimo prodotto. Nel gennaio del 2011 hanno aperto un locale che, grazie ad un menu semplice ma attrattivo e ad un marketing irriverente e innovativo, ha conquistato subito il pubblico di Strasburgo (Francia).

Rapidamente sono stati inaugurati altri due punti vendita che nel giro di poco tempo hanno superato il milione di euro di fatturato annuale.

Da lì è cominciata una escalation che in soli 5 anni ha portato l’azienda ad avvare oltre 75 locali in tutta la Francia. A seguito di questa crescita e del consolidamento nel mercato interno è cominciato lo sviluppo internazionale con aperture in Belgio, Germania, Lussemburgo e Svizzera. Proprio in Svizzera è nata una collaborazione significativa per BAGELSTEIN con il colosso MIGROS, una delle aziende più importanti della distribuzione mondiale con un giro d’affari di 32 miliardi di franchi svizzeri.

La multinazionale ha acquisito la licenza master per la Svizzera, ma è entrata anche nella compagine sociale della holding del gruppo BAGELSTEIN.

IL CONCEPT

Per BAGELSTEIN più che di fast food si può parlare di casual food.

L’ambiente è caldo, piacevole, ricco di dettagli curatissimi.

I locali sono arredati con carattere, le pareti catturano gli occhi per la moltitudine di cose da leggere e da scoprire: insegne delle stazioni della metropolitana, sculture di terracotta, ritratti, scritte dissacranti…

I prodotti sono sempre freschi, di alta qualità, preparati sotto gli occhi dei clienti.

Il servizio è accurato.

Il marketing, basato sullo humor e sul nonsense, coglie nel segno.

L’originalità del concept non passa inosservata né ai clienti finali né ai candidati affiliati.

BAGELSTEIN apre unità affiliate in aree con un bacino d’utenza di almeno 30.000 abitanti.

Gli spazi variano dai 24 mq agli 80. In genere i locali accolgono dai 150 ai 300 clienti al giorno, con un fatturato medio di 360.000 €. Di solito sono aperti dalle 9 del mattino alle 21.

PRODOTTI

I bagel vengono prodotti con vari tipi di farine e sono serviti con farciture composte da svariate combinazioni di ingredienti.

“Chiedi a un fornaio di fare un bagel – dicono in Bagelstein – ti risponderà che è facile, che è come fare una pagnotta rotonda, solo con un buco in mezzo. Poi ci metterà due anni a portartene una preparata come si deve. Noi lo sappiamo, perché ci abbiamo messo proprio due anni a fare dei bagel fatti bene e a perfezionare le nostre ricette. Anche oggi investiamo un sacco di tempo nella creazione di nuovi prodotti e, siccome produciamo tutto da soli, abbiamo la libertà di fare, ad esempio, mini bagel per i cocktail o maxi bagel per i clienti più “affamati”. I nostri limiti? Sono i nostri clienti a stabilirli, stimolandoci sempre a realizzare cose nuove”.

Oltre a questa “specialità della casa” i clienti conoscono e apprezzano particolarmente i dessert, prodotti secondo la migliore tradizione francese e non solo. Dicono in BAGELSTEIN: “Noi facciamo una delle migliori cheesecake in Europa, in molti gusti differenti, e produciamo cookies così buoni che i nostri clienti sono disposti a fare chilometri per poterli assaggiare. Crediamo che in un’epoca nella quale i panettieri non fanno più il pane e i ristoranti non hanno più bisogno del cuoco e nel quale gli unici prodotti buoni sono quelli surgelati, il modo migliore di lavorare è produrre tutto da zero. BAGELSTEIN segue questa filosofia per tutti i prodotti dai brownies alle cheesecake, dai muffins ai cookies: fatti a mano, fatti con il cuore, fatti con l’anima, fatti con quello che vuoi ma fatti da noi in giornata!”

SERVIZI

Dicono in BAGELSTEIN: “Gli unici commenti e feedback che vorremmo sentire sui nostri locali sono quelli che riguardano i nostri scherzi e la nostra piacevole frenesia.

Il personale riceve una formazione un po’ speciale, in linea con lo stile spiritoso e divertente del nostro servizio.

I clienti, quando entrano da noi, possono trovare sempre il modo di ridere e di sorridere.

I nostri non sono solo punti vendita che servono cibo, ma luoghi caldi e accoglienti dove i guai e le preoccupazioni quotidiane possono essere lasciate fuori: la bontà dei nostri prodotti non sarà mai pari a quella della nostra accoglienza.

Per questo motivo la forma di pubblicità più efficace per noi è il passaparola…”

Punti di forza del progetto

Menu

Un menu specializzato, caratterizzato dal suo prodotto di punta, il bagel, ma con una equilibrata composizione dell’offerta.

Salato e dolce offrono soluzioni apprezzate da una clientela ampia per target e per occasioni di consumo.

Organizzazione e processi

Un know-how consolidato, con processi standardizzati che permettono di raggiungere una qualità eccellente nei prodotti e l’efficienza nel servizio.

Concept sperimentato

Le numerose aperture in Francia e in altri Paesi, in condizioni di mercato e in contesti differenti hanno permesso di testare ogni aspetto del concept.

Il successo ottenuto certifica l’affidabilità del business e lo promuove come valida opportunità anche per gli investitori italiani.

CHI VOGLIAMO

Bagelstein valuta candidature per differenti forme di partnership nel mercato italiano.

Da un licenziatario master, in grado di sviluppare il progetto sull’intero territorio nazionale, a un area developer, ad un single unit franchisee. Gli investimenti richiesti per l’apertura di una unità affiliata si aggirano tra i 100 e i 150 mila euro a seconda della location.

RICHIEDI INFORMAZIONI


Pulsante torna in alto