Callout piè di pagina: contenuto
Franchising: Perché Ci Sono Entry Fees E Royalties?

Come tutti i contratti a titolo oneroso, anche nel franchising è previsto il pagamento di un corrispettivo da parte del franchisee al franchisor. Tale corrispettivo costituisce sostanzialmente la remunerazione versata dall’affiliato a fronte della concessione del c.d. franchise package (licenza di uso del marchio del franchisor, licenza del know-how, formazione, servizi di assistenza etc.) e dei vantaggi di cui l’affiliato usufruisce per il fatto di far parte di una rete in franchising (esclusiva, promozione pubblicitaria, possibilità di vendere determinati prodotti, etc.). 

 

Nella prassi, le principali forme di corrispettivo che l’affiliato si obbliga ad erogare all’affiliante per entrare a far parte della rete di distribuzione di quest’ultimo e/o per l’uso dei suoi segni distintivi sono due: 

  • la entry fee
  • le royalties

 

PERCHE’ E’ RICHIESTA LA ENTRY FEE?

 

Il “diritto di ingresso” (o entry fee) è definito dall’art. 3 della L. n. 129/2004 come «una cifra fissa rapportata anche al valore economico e alla capacità di sviluppo della rete, che l’affiliato versa al momento della stipula del contratto di affiliazione commerciale». Si tratta di un importo – di cui viene generalmente richiesto il versamento, una tantum, dall’affiliato all’inizio del rapporto – che trova la sua giustificazione nell’avviamento di cui viene ad usufruire l’affiliato entrando nella rete e nelle spese sostenute dal franchisor per la sperimentazione della formula, la gestione della rete e la ricerca di nuovi affiliati. 

 

Tuttavia non sempre la entry fee viene richiesta dal franchisor; ad esempio nel franchising di distribuzione di beni ciò generalmente non accade, dato che essa viene assorbita nel prezzo di cessione di beni (su questo punto, vedi oltre). 

 

COSA SONO LE ROYALTIES?

 

Le royalties sono definite dall’art. 1, 3° comma, lett. c) della L. n. 129/2004 come “una percentuale che l’affiliante richiede all’affiliato commisurata al giro d’affari del medesimo o in quota fissa, da versarsi anche in quote fisse periodiche. Si tratta di un importo, da corrispondersi periodicamente, che costituisce il corrispettivo a fronte della concessione da parte del franchisor del franchise package (licenza d’uso del marchio, licenza d’uso del know-how, servizi di assistenza, formazione). 

 

Le royalties possono essere calcolate sostanzialmente con due diverse modalità: 

  • in misura fissa, secondo una determinata cadenza temporale (ad esempio mensile); 
  • in percentuale, generalmente calcolata sul fatturato sviluppato dal franchisee nel corso della sua attività. 

 

Tali due modalità possono intersecarsi tra di loro, dando luogo a varie combinazioni. E’ così possibile, ad esempio, che venga previsto il pagamento da parte del franchisee di una royalty fissa mensile, ed al contempo di una royalty in percentuale sul giro d’affari del franchisee, che verrà conguagliata (ove superiore) con la prima al termine dell’anno. 

 

Sono altresì frequenti – soprattutto nel franchising di servizi, nel quale l’affiliato non acquista beni dall’affiliante, sì che la misura delle royalties dovute dal primo dipende direttamente dagli incassi realizzati – previsioni contrattuali in base alle quali, fermo restando un criterio di calcolo delle royalties su base percentuale, l’affiliato è comunque obbligato a versare un importo minimo di royalties all’affiliante, su base annua, indipendentemente dall’effettivo giro d’affari sviluppato (o a sviluppare un determinato fatturato minimo, sul quale sono calcolate le royalties). 

 

A COSA SERVONO LE ROYALTIES?

 

La previsione di una royalty minima (o di un fatturato minimo) è funzionale al raggiungimento di tre diversi obiettivi: 

  1. a) assicurare al franchisor un rendimento minimo garantito; 
  2. b) far sì che tutti gli affiliati perseguano uno standard di rendimento minimo – e quindi omogeneo – dal punto di vista economico, evitando diseguaglianze che potrebbero squilibrare la rete nel suo complesso; 
  3. c) evitare il rischio di condotte opportunistiche da parte degli affiliati, i quali potrebbero altrimenti (cioè con royalties fisse) essere indotti a ridurre il proprio giro d’affari (impiegando le proprie risorse in altro modo, magari in attività concorrenziali) 

 

E’, d’altra parte, possibile incentivare ulteriormente l’affiliato a sviluppare il proprio giro d’affari riconoscendo a quest’ultimo una sorta di premio – consistente a sua volta in determinati vantaggi o privilegi, strumentali allo sviluppo della sua attività commerciale – ancorato al raggiungimento di una determinata soglia di fatturato. 

 

CALCOLARE LE ROYALTIES

 

L’obbligo di pagamento delle royalties, specialmente quando queste sono calcolate sul fatturato, rende opportuno prevedere nel contratto un obbligo di rendicontazione da parte dell’affiliato circa l’andamento delle vendite, e la possibilità dell’affiliante di monitorare l’attività e ispezionare la contabilità dell’affiliato, anche attraverso appositi audit. Frequente è la previsione in base alla quale, qualora in esito all’audit del franchisor dovessero emergere differenze più o meno notevoli rispetto a quanto dichiarato dall’affiliato, fermo restando l’obbligo di quest’ultimo a corrispondere la differenza sulle royalties all’affiliante (nonché di rifondergli i costi sostenuti per effettuare l’audit), quest’ultimo si riserva la facoltà di recedere o di risolvere il contratto. 

 

ROYALTIES O ALTRO?

 

Le royalties sono menzionate, dall’art. 3, 4° comma, lett. b) della L. n. 129/2004, tra gli elementi che devono essere obbligatoriamente indicati nel contratto di franchising. Ciò tuttavia non significa che il pagamento di royalties sia un elemento essenziale del franchising, con la conseguenza che siano esclusi dal novero dei contratti di affiliazione commerciale (disciplinati dalla L. n. 129/2004) tutti quelli che non prevedano la corresponsione di royalties. Come ritenuto dalla dottrina prevalente, infatti, la norma si limita a imporre alle parti di regolamentare nel contratto le royalties – qualora esse siano effettivamente previste – ma non impedisce alle parti di prevedere altre forme di corrispettivo dall’affiliato all’affiliante, diverse dalle royalties. 

 

A cura dell’Avv. Valerio Pandolfini, Studio Legale Pandolfini

Pulsante torna in alto